L’export BIO Made in Italy negli Stati Uniti

Prodotto biologico negli Stati Uniti, numeri in crescita

Gli States rappresentano un importante partner commerciale per il Food & Beverage. Diventa però il più redditizio per il prodotto biologico made in Italy.

Le relazioni commerciali tra Italia e Stati Uniti sono estremamente solide, specialmente per ciò che riguarda i mercati alimentari. L’elevata considerazione che negli States si ha del Belpaese blinda ormai da anni questa fruttuosa partnership nel Food & Beverage. Sono primi al mondo, inoltre, per import agroalimentare e consumo di prodotti biologici. Rappresentano pertanto uno dei mercati più promettenti per il Bio Made in Italy secondo gli ultimi dati in possesso degli esperti del settore. Il 65% dei consumatori, infatti, si è detto interessato all’acquisto di un prodotto italiano a marchio biologico.

Exploit del prodotto biologico negli Usa

L’esportazione del prodotto biologico ha fatto registrare performance superiori a quelle dell’export agroalimentare nel suo complesso. Nel 2020, infatti, le vendite hanno raggiunto i 2,6 miliardi di euro, ossia l’8% in più rispetto al 2019. Un vero e proprio exploit in confronto all’export agroalimentare fermo al +3,5%. Il dato poggia su fondamenta solide: l’esportazione italiana di prodotti BIO è aumentata del 149% rispetto al 2010.

Prodotti BIO negli States

E’ di 4,6 miliardi di euro il dato relativo alle esportazioni di prodotti Food & Beverage italiani nel 2019. L’aumento fa segnare +11% rispetto al 2018). Gli Stati Uniti rappresentano il secondo mercato di destinazione del nostro agroalimentare. Inoltre, secondo le imprese italiane BIO esportatrici, sono al terzo posto nella top 10 dei mercati con le maggiori prospettive di crescita. Il forte interesse per i prodotti biologici è confermato anche dai numeri del settore, tutti in crescita dall’altra parte dell’Oceano. I 2 milioni di ettari coltivati secondo il metodo biologico e i 18.166 operatori nel comparto danno l’idea della portata.

L’esplosione del BIO negli USA

A monte di questi numeri c’è una richiesta sempre maggiore di prodotti biologici nel mercato a stelle e strisce. Le motivazioni che spingono gli americani a optare per un cambio alimentare sono sostanzialmente tre. Il 25% ritiene questi alimenti più sicuri per la salute, un altro 25% li considera di maggiore qualità, mentre il 22% li sceglie per salvaguardare il pianeta. I canali d’acquisto sono prevalentemente la grande distribuzione (online e offline), seguita dai negozi specializzati. Solo in ultimo si classifica la richiesta diretta al produttore. Anche l’impatto del Covid-19 ha giocato un ruolo fondamentale. il 36% dei consumatori ha aumentato la spesa per i prodotti biologici rispetto al 2019 e addirittura il 6% ha comprato BIO per la prima volta proprio quest’anno.

Richiedi maggiori informazioni